Le tavole di Identità Golose

Anno nuovo, vita nuova. Lo slogan di sempre vale anche per le Cene di Identità Golose, che lunedì 22 gennaio prossimo danno inizio al 2018 con un bell'appuntamento al Ronchettino, ex stazione di posta del Seicento a Milano, quartiere Chiesa Rossa/Gratosoglio.

Ai fornelli c’è Federico Sisti, solido cuoco romagnolo subentrato ai fornelli di quest’insegna storica, ancora gestita da Patrizia Meazza e dai figli Alessia e Francesco. Per lui, un approdo felice dopo anni di gavette importanti, tra gli altri da Arnolfo nel Senese, al Bauer di Venezia con Giovanni Ciresa e al fianco Stefano Ciotti al fu Vicolo Santa Lucia di Cattolica, nella sua Romagna.

«La cena con Identità va in più direzioni», anticipa Sisti, «la sfida principale è quella di cucinare piatti della tradizione milanese e lombarda che siano ben fatti e che poggino su materie prime di grande qualità». La tradizione un passo in là, insomma, che salperà con un aperitivo al tavolo, «che è anche un modo per rievocare l’atmosfera conviviale della stazione di posta: cibo da condividere mentre si ferravano i cavalli, prima di ripartire».

Piatti simbolo di un ristorante storico che però acquisisce nuove verve e rinnovati orizzonti man mano che sfila il resto del menu: accanto a mondeghili, nervetti, lasagnette e trippa troviamo anche marinature asiatiche di soia e lime o pernici arrosto e tatin che riportano ala Francia classica. A proposito, i dolci sono firmati da Francesco Di Stasi, pasticciere già al lavoro all’Hostaria dell’Orso di Gualtiero Marchesi, altro motivo per non mancare il 22.
locandina-ronchettino-22gen.jpg